Agriturismo in Alto Adige Barbiano Val Isarco
 
gamperhof
 
 
Agriturismo Gamper a Barbiano Alto Adige
Agriturismo Gamper a Barbiano
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Created by:
Roland Schatzer Service

 

       

Deutsch
 
Benvenuti nel maso Gamper
La storia del maso Gamper
La vita al maso
Tempo libero al maso Gamper
Mangiare e bere al maso Gamper
Prezzi e informazioni
Vivere la natura
Visitare Barbiano e dintorni
Visitare l'Alto Adige
Il Gallo Rosso
dell'Alto Adige
Tradizione
E-Mail


Agriturismo - B&B
Gamper Hof

Fam. Konrad Rabanser
Via Rio Gondo 2
I-39040 Barbiano
Val Isarco, Alto Adige
Tel. 0471 653 009
Fax: 0471 653 009
info@gamperhof.eu

Vacanze a Barbiano Vacanza in Alto Adige
Agriturismo Alto Adige

 
Tradizione in Alto Adige
 
     
 

Il grembiule blu

Ai turisti salta subito all’occhio il grembiule blu, che i contadini indossano anche nei giorni feriali. Senza il grembiule blu, che arriva fino alle ginocchia, si sentono vestiti a metá.
Il grembiule blu é diventato il distintivo dei lavoratori altoatesini ed il suo colore vistoso ravviva la vita quotidiana.
Il grembiule é molto pratico e si presta a diversi usi. Spesso viene persino abbellito con un ricamo di fiori o frasi umoristiche.

 

L’ANTICO MERCATO DI SAN BARTOLOMEO A RENON

Il 24 agosto è dedicato a San Bartolomeo che, per martirio, fu scuoiato vivo e i tirolesi chiamano confidenzialmente Bartlmä. La ricorrenza corrisponde ad un importante Lostag e per i contadini di montagna segna l'iniziato dell’autunno. Oggi, se la data corrisponde alla domenica, il mercato ha luogo il giorno successivo. Il luogo prescelto per il grande recinto, che conterrà le mandrie e i cavalli, deve essere raggiunto a piedi: arrivati a Collalbo, infatti, la strada si biforca e, presa quella che conduce al corno del Renon, si sale verso la parte settentrionale dell’altopiano. Giunti alla stazione a valle della cabinovia, è necessario lasciare la macchina nel parcheggio per proseguire a piedi attraverso i prati e i boschi, seguendo la folla.
Giunti alla meta, gli spettatori si posizionano attorno al recinto della malga in attesa degli animali che giungeranno verso mezzogiorno. Per ingannare l’attesa le bande musicali allietano i presenti con musiche folkloristiche. Il corpo musicale è rigorosamente in costume e ogni componente porta sul capo un cappello abbellito da un mazzolino di fiori e la tradizionale piuma.
Verso mezzogiorno giungono gli animali: centinaia di mucche, buoi, tori, manzi e cavalli, attirando l’attenzione di tutti gli spettatori. I pastori mantengono l’ordine tra i capi che confluiscono nel recinto. L’antico mercato di San Bartolomeo ha certamente perso alcune delle sue antiche caratteristiche, ma rimane ancora oggi un appuntamento che non delude gli spettatori giunti a Renon per l’occasione.